Le eccellenze pugliesi al servizio della transizione ecologica

Vanessa Pompili
21/09/2022

“Economia circolare – Eccellenze pugliesi per la transizione ecologica” è il titolo del convegno che si svolgerà il 22 settembre alle 18.30 presso il Chiostro del Comune di Gioia del Colle, nel barese.

Caro energia e materie prime, riciclo e zero rifiuti i temi principali dell’incontro, moderato da Patty L’Abbate, docente di Economia Ecologica e Management presso la LUM.

Cambiare è necessario. Mai come in questo momento è il tempo di una vera transizione ecologica. L’aumento del costo dell’energia e delle materie prime, dimostra come è necessario recuperare e riciclare i nostri rifiuti perché possano avere ancora valore d’uso e diventare matrie prime seconde. Inoltre non estraendo nuove risorse naturali si risparmia energia e si evita di immettere in atmosfera inquinanti e gas climalteranti coma le CO2.

Nel corso del convegno saranno illustrati esempi di eccellenze pugliesi che consentono di recuperare materie inorganiche come la plastica, la carta, i metalli, creare compost di qualità dal nostro rifiuto organico e effettuare l’economia circolare dell’acqua riutilizzando l’acqua reflua in agricoltura. La vera transizione ecologica, infatti, consente al tempo stesso transizione sociale ed economica, produce nuovi posti di lavoro,  utile alla comunità, con figure più specializzate e meglio remunerate. Il viraggio verso un’economia circolare che utilizzi fonti energetiche rinnovabili e recuperi preziose risorse come l’acqua e la materia prima seconda è necessario, continuare con lo “status quo” porta le aziende anche fuori mercato.

Al convegno interverranno Lella Miccolis, presidente nazionale del Consorzio italiano compostatori e alla guida di PROGEVA, Carmelo Marangi vicepresidente UNIRIMA e amministratore unico di RECSEL di Taranto, Piervito Lagioia responsabile Struttura territoriale operativa AQP Acquedotto Pugliese, Rocco Pentassuglia ricercatore ENEA ICESP, Piattaforma italiana dell’economia circolare.

Vanessa Pompili