Startup e Pmi innovative, +1,8 per cento nel secondo trimestre 2022

Vanessa Pompili
14/09/2022

Aumentano le startup innovative iscritte al Registro delle imprese con 259 nuove unità (+1,8 per cento) rispetto al trimestre precedente. Il dato conferma l’andamento positivo registrato nel corso dei primi mesi dell’anno sintetizzato dai report realizzati dal ministero dello Sviluppo economico in collaborazione con Unioncamere, InfoCamere e Mediocredito Centrale su startup e Pmi innovative relativi al secondo trimestre del 2022.

Al 1° luglio 2022 le startup innovative italiane iscritte al Registro delle imprese sono 14.621, il 3,7 per cento di tutte le società di capitali di recente costituzione, un dato in aumento rispetto al trimestre precedente con 259 nuove unità (+1,8 per cento).

Produzione di software, consulenza informatica, ricerca e sviluppo, fabbricazione di macchinari e prodotti elettronici si confermano le attività di maggiore incidenza.

In crescita il trend delle startup innovative fondate da under 35 con un + 0,5 per cento, per un totale di 17,4 per cento.

Riguardo alla distribuzione territoriale, la Lombardia si conferma la prima regione in cui risiede oltre il 26,7 per cento di tutte le startup italiane, segue il Lazio con il 12,1 per cento del totale nazionale (+ 45 startup rispetto al trimestre precedente) e la Campania con il 9,2 per cento (+ 33 startup rispetto al trimestre precedente).

Per quanto riguarda le province, tra le prime dieci ci sono: Milano (2737 startup), Roma (1599), Napoli (675), Torino (532), Bari (362), Bologna (358), Padova (331), Salerno (302), Bergamo (291) e Brescia (286).

Se si considera invece il numero di startup innovative in rapporto al numero di nuove società di capitali troviamo tra le prime dieci province: Trento, Milano, Terni, Potenza, Udine, Pordenone, Pisa, Trieste, Bologna e Ascoli Piceno.

Anche i dati presentati dal report trimestrale del Fondo di garanzia (FGPMI) confermano il trend di crescita dei finanziamenti concessi.

Sono infatti 6.798 le startup innovative beneficiarie del Fondo di garanzia dall’inizio dell’operatività e tra esse alcune hanno ricevuto più di un prestito.

Nel secondo trimestre 2022, il FGPMI ha gestito 666 operazioni verso startup innovative, con una crescita del 7 per cento rispetto al precedente trimestre, e il totale dei finanziamenti potenzialmente mobilitati si attesta intorno ai 193 milioni di euro, in aumento del 44 per cento rispetto al periodo gennaio-marzo 2022. Nel secondo trimestre, inoltre, il finanziamento medio ammonta a 289 mila euro, in crescita del 34 per cento rispetto al trimestre precedente.

Per gli incubatori certificati, al secondo trimestre 2022 le operazioni gestite dal FGPMI sono 103, per un totale potenzialmente mobilitato di quasi 47 milioni di euro, mentre i numeri delle PMI innovative gestite dal Fondo parlano di 6.163 operazioni per un totale potenzialmente mobilitato di 2 miliardi di euro.

Vanessa Pompili