Sportmemory: la passione per la Roma come piattaforma di narrazione

Giampiero Castellotti
23/05/2022

La passione giallorossa come narrazione emotiva con storie, aneddoti ed esempi di tifo virtuoso.

Questo l’obiettivo del progetto che l’associazione I Cavalieri della Roma vuole mettere a disposizione degli amanti della Magica.

Un percorso sul quale l’associazione, fondata da Lino Cascioli e Antonio Calicchia e forte dei suoi circa 300 soci di eccezione – da Carlo Verdone a Massimo Wertmuller, da Antonello Venditti a Giovanni Floris, da Rosella Sensi a Bruno Conti – ha trovato intesa elettiva con Sportmemory, testata che della narrazione emotiva delle esperienze e delle memorie sportive ha fatto la propria missione editoriale.

Nasce così il progetto “La mia passione per la Roma“, piattaforma narrativa che vedrà i Cavalieri della Roma raccontare in prima persona storie personali di amore, gioie e patemi per la maglia giallorossa, un amore indissolubile che li accompagna nel quotidiano familiare e professionale.

Racconti di prima mano e, legati come sono al vissuto di ciascuno, per lo più inediti e a rischio dispersione e che invece, per la prima volta, escono dalla cerchia personale e vanno ad alimentare una trama collettiva dove ogni tifoso giallorosso potrà trovare suggestioni da seguire o nelle quali riconoscersi.

La mia passione per la Roma” è un progetto identitario dove calcio, tifo e costume trovano sintesi impensate, fuori dagli schemi e anche dagli stereotipi.

La passione trova sempre le sue strade – dichiara Antonio Calicchia, presidente dei Cavalieri della Roma – e noi Cavalieri oggi abbiamo avvertito forte il desiderio di far diventare le nostre esperienze e la nostra passione un patrimonio comune nel quale chiunque possa trovare ispirazione.  Esiste uno spirito sano del tifo e del calcio – sport certo, ma anche filosofia di vita e grande collante sociale – e noi di questo vogliamo essere esempio e portatori“.

Considero un privilegio essere stati scelti dai Cavalieri della Roma per affiancarli in questo percorso narrativo – dichiara Marco Panella, direttore editoriale di Sportmemory. “La narrazione è la nostra cifra giornalistica, i nostri articoli sono storie, non guardano alla velocità della lettura, ma all’approfondimento e avere la possibilità di accedere al patrimonio esperienziale dei Cavalieri della Roma è una straordinaria opportunità di elaborazione di una memoria sociale, in questo caso giallorossa, a rischio dispersione generazionale“.

L’appuntamento quindi è su Sportmemory.it che, dal prossimo numero di giugno, ospiterà la rubrica Passione Roma dove le storie e le memorie di tifo giallorosso dei Cavalieri della Roma diventeranno patrimonio e bene comune.

(immagine Sportmemory – comunicato)

Giampiero Castellotti