Politica agricola: il punto di Altragricoltura

Giampiero Castellotti
03/06/2024
Tempo di lettura: 3 minuti
Carrot 1565597 1280

L’Alleanza Sociale per la Sovranità Alimentare ha pubblicato la traduzione del Documento del Coordinamento Europeo delle Organizzazioni di Via Campesina. Altragricoltura, dopo averlo discusso, lo condivide e lo propone come base del confronto in Italia agli agricoltori e pescatori in mobilitazione contro la crisi, diffondendolo nelle liste (https://altragricoltura.net/ecvc-elezioni-europee-2024)

Una politica agricola europea che incentivi la nascita di nuovi piccoli agricoltori, che renda più forti le zone rurali, disciplini i mercati agricoli in modo da proteggere il reddito degli agricoltori ed il diritto e la dignità del lavoro dei braccianti, forte di una serie di iniziative volte a porre limiti su Ogm e Nuove tecniche genomiche in vista della tutela dell’accesso all’acqua e alle sementi per gli agricoltori, favorendo il cibo locale e di prossimità rispetto alle logiche di sviluppo fondate sull’import-export, poiché è necessario proteggere il diritto al cibo sano e all’ambiente salubre dei cittadini europei, che non può andare a scapito del reddito degli agricoltori del continente.

E ancora: stop ai crediti di carbonio, fine del tentativo di finanziarizzare l’agricoltura favorendo i grandi capitali e le grandi aziende, perché per la conversione ecologica dell’agricoltura e le pratiche agroecologiche devono essere diffuse e non appannaggio di pochi, perché è necessario – per disinnescare le concentrazioni di allevamenti in poche e ristrette aree del continente – favorire la diffusione dei piccoli allevamenti, che da soli possono garantire quelle pratiche di allevamento estensivo compatibili con l’ambiente.

Sono queste in estrema sintesi, insieme ad un pacchetto di proposte per difendere e rilanciare l’agricoltura e la pesca mediterranee, il contributo che Altragricoltura sta portando in seno al Coordinamento agricoltori e pescatori italiani (Coapi) impegnato nella redazione di un documento rivolto ai candidati alle elezioni europee.  “La Sovranità Alimentare non è un marchio di fabbrica – afferma Gianni Fabbris, leader di Altragricoltura – ma è una pratica fatta di scelte politiche che vadano innanzitutto nella direzione della tutela dei diritti degli agricoltori e degli altri abitanti delle zone rurali, diritti universali sanciti dall’Onu, con la Dichiarazione dei Diritti dei Contadini e delle altre persone che vivono nelle aree rurali (UNDROP) e fatte proprie da movimenti contadini e dei pescatori artigianali impegnati in tutto il Mondo e in Europa”.

Fabbris sottolinea: “Gli agricoltori e i pescatori italiani ben sanno quanto importante sia cambiare le scelte di Politica Agricola e della Pesca Europee e che, per farlo, occorre costruire un fronte di alleanza con gli altri movimenti contadini europei e internazionali. Alleanze che, però, vanno fondate su principi e obiettivi condivisi, trasparenti e utili agli interessi degli agricoltori, dei pescatori e dei cittadini italiani e fuori da ogni strumentalizzazione elettoralistica non su contenuti equivoci e contrari ai nostri interessi come quelli che agitano settori e sigle che a Bruxelles e in diversi paesi del Nord Europa difendono gli interessi della

chimica e della speculazione industriale e finanziaria chiamando attorno a malcelati e strumentali progetti elettorali in cui come agricoltori e pescatori italiani non abbiamo alcun interesse. Per questo Altragricoltura il 4 giugno sarà con il Coapi e gli altri movimenti a Ventotene per aprire il percorso del Nuovo Manifesto di Ventotene Per un’Europa Giusta in un Mediterraneo della Sovranità Alimentare e per questo propone in Italia il dibattito a partire dalle proposte per l’Europa dei Movimenti di Via Campesina Europa e dei tanti alleati che, da sempre, con la democrazia si battono per la giustizia e gli interessi dei contadini e dei cittadini”.

Giampiero Castellotti