Pnrr e RepowerEu: quasi 29 miliardi per 15 misure

Vanessa Pompili
04/12/2023
Tempo di lettura: 2 minuti

Si attende solo il nulla osta del Consiglio dell’Unione europea, che arriverà il prossimo 8 dicembre, per confermare la decisione presa dalla Commissione europea venerdì 24 novembre sulla nuova Council Implementing Decision (CID), che introduce una serie di misure di cui è titolare il ministero delle Imprese e del Made in Italy, strategiche per il potenziamento del sistema produttivo.

Il Mimit, sarà quindi coinvolto tra Pnrr e RepowerEu nell’attuazione di 15 misure per un totale di 28,941 miliardi di euro, cui si aggiungono quelle del Piano nazionale degli investimenti complementari.

Le novità principali:

  • M1C2-6: Supporto al sistema produttivo per la transizione ecologica, le tecnologie Net Zero e la competitività e resilienza delle filiere strategiche: 2,5 miliardi di euro
  • M7I13 – Transizione 5.0: 6,363 miliardi di euro
  • M7I14– Supporto alle Pmi per autoproduzione di energia di fonti rinnovabili: 320 milioni di euro

Nel dettaglio:

M1C2-I1 – Transizione 4.0

M1C2-I4 – Tecnologia satellitare ed economia spaziale

M1C2-I5.2 – Competitività e resilienza delle filiere produttive

M1C2-I6 – Supporto al sistema produttivo per la transizione ecologica, le tecnologie Net Zero e la competitività e resilienza delle filiere strategiche NUOVA

M1C2-R3 – Riforma degli incentivi NUOVA

M1C2-I6.1 – Investimento nel sistema della proprietà industriale

M2C2-I5.1 –Rinnovabili e batterie

M2C4-I5.4 – Supporto a start up e venture capital attivi nella transizione ecologica

M4C2-I2.1 – IPCEI

M4C2-I2.2 – Partenariati Horizon Europe

M4C2-I2.3 – Potenziamento centri di trasferimento tecnologico

M4C2-I3.2 – Finanziamento di start up

M5C1-I1.2 – Creazione di imprese femminili

M7-I13 – Transizione 5.0 NUOVA

M7-I14 – Supporto alle Pmi per autoproduzione di energia di fonti rinnovabili NUOVA

Queste misure mirano a potenziare il settore delle imprese e a promuovere il “Made in Italy” attraverso un approccio strategico e mirato.

Nelle prossime settimane più informazioni sulla possibilità per le imprese di accedere a questi nuovi incentivi. Il ministero è infatti al lavoro per l’emanazione delle norme di legge (per Transizione 5.0) e dei decreti ministeriali, cui seguiranno i nuovi bandi per le altre misure.

Vanessa Pompili