Peronospora, dal Masaf la deroga della spesa minima per ristrutturazione e riconversione dei vigneti

Vanessa Pompili
06/06/2024
Tempo di lettura: 1 minuto
Vigneti

Porta la firma del ministro dell’Agricoltura, della Sovranità alimentare e delle Foreste, Francesco Lollobrigida, il decreto con il quale si dichiara lo stato di eccezionale avversità atmosferica che consente, nel settore vitivinicolo, di derogare al limite del 30% della spesa minima che doveva essere realizzata entro il 15 ottobre 2023 per la ristrutturazione e riconversione dei vigneti, riducendo tale limite al 3%.

“L’obiettivo è sostenere le imprese vitivinicole colpite dalla peronospora – ha spiegato il ministro Lollobrigida – e che, a causa delle abbondanti precipitazioni piovose della primavera del 2023, sono state impossibilitate ad accedere per un lungo periodo ai terreni per svolgere gli interventi necessari alla realizzazione degli investimenti programmati. Una misura importante per sostenere questo comparto fondamentale del Made in Italy. I viticoltori situati nelle aree colpite dagli eventi meteorologici avversi di quel periodo avranno così la possibilità di completare quanto già avviato, in deroga all’obbligo della realizzazione della spesa minima prevista”.

La peronospora è una delle più gravi malattie della vite, causata dal fungo Plasmopara viticola, che può causare una riduzione della produzione dell’annata, una diminuzione delle riserve nutritive della pianta e una perdita di vigore e riduzioni di produzioni anche ingenti nelle annate successive.

Vanessa Pompili