Le tecnologie per il liquid food & beverage ad Ipack-Ima 2025

Giampiero Castellotti
07/05/2024
Tempo di lettura: 3 minuti
Ipack

Ad Ipack-Ima, la manifestazione internazionale per il processing & packaging, prevista a Fiera Milano dal 27 al 30 maggio 2025, i migliori produttori di tecnologie e gli end user si incontreranno per approfondire le tendenze che ruotano attorno al mondo Liquid Food & Beverage. Si parla di un universo variegato di prodotti che include bibite, latte alimentare, soft drink, acque minerali, birra, vino e alcolici, functional & energy drink, succhi, baby drink e alimenti per l’infanzia, ma anche zuppe, olio, dressing e salse.

Una panoramica sui dati di packaging

Un mercato mondiale da 14,9 miliardi di euro con una crescita media annua del +2,9: ecco, in sintesi, la fotografia dell’industria dei macchinari di packaging per il settore liquidi alimentari e bevande.

Guardando al periodo 2023-2027, un focus sui paesi più performanti vede gli Usa in testa con 4,6 mld di euro seguiti da Cina con 2,2 mld di euro, Germania con 1,15 mld di euro, e, per poco, dal Giappone con 1,10 mld di euro. Dati significativi anche per l’Italia, al quinto posto, con 0,6 mld di euro.

I mercati con il maggior potenziale di crescita: Singapore (+12,9%), Ungheria (+9,4%), Bulgaria (+9,1).

L’industria del processing

Rivolgendo lo sguardo al segmento delle macchine per la lavorazione e preparazione, il valore espresso si attesterà a 23 mld di euro a livello mondiale a fine 2024, con una stima di crescita media del +5.5%. Tra i primi mercati Germania, Italia e Usa seguite da Francia, Svizzera e Spagna. (fonte: Ucima/Mecs)

Guardando alla produzione

A livello mondiale, la produzione di bevande e liquid food raggiungerà un valore di oltre 1.600 mld di euro a fine 2024 con una previsione di crescita del + 4.7%. In testa gli Usa con 218.9 mld di euro, seguiti da Germania, con 53.3 mld di euro, Francia con 46.2 mld di euro e dall’Italia con 40.9 mld di euro.

Infine, i paesi con maggior potenziale di crescita per il 2024: Etiopia (+21%), Nigeria (+ 16%), Turchia (+13%). (fonte: Ucima/Mecs – dati 2001/2024).

I visitatori

Ipack-Ima 2022 è stata visitata da oltre 4.000 professionisti provenienti dal comparto Liquid Food & Beverage, inclusi numerosi buyer esteri, end user e brand di multinazionali leader mondiali del mondo delle bevande quali Bacardi, Lactalis, Campari, Coca Cola, Heineken, Refresco, Nestlé, Unilever e molti altri. Visitatori specializzati potranno scoprire le ultime proposte tecnologiche in tema di sistemi di filtrazione, riempitrici, presse, sciacquartici, soffiatrici, impianti di sterilizzazione, etichettatrici, linee per la tappatura, soluzioni per il fine linea, oltre ai materiali per il packaging sui quali sempre di più si sta concentrando l’industria alla ricerca di nuove applicazioni green ed eco-friendly.

I protagonisti già confermati

Tra i protagonisti del comparto, molti espositori consolidati hanno già scelto IPACK-IMA come palcoscenico per le proprie anteprime prodotto e soluzioni tecnologiche, con nomi del calibro di: ACR, Arol, Crocco, Easysnap Technology, Della Toffola, DVP Vacuum Technology, FBR Elpo, FT System, Giordan, Ing. Rossi, Ocme, Omnia Packaging, OMS Group, Smipack, Tenco.



Giampiero Castellotti