Il mercato dei superalcolici in Italia continua a crescere

Giampiero Castellotti
09/05/2024
Tempo di lettura: 4 minuti
Trovaprezzi.it Infograficatopsuperalcolici2024

Secondo la World Health Organization (WHO), tra il 2010 ed il 2020 il consumo medio di alcool in Europa è diminuito[1]. Tuttavia, questo trend non vale per tutti i Paesi europei perché, nonostante la diminuzione riguardi 25 Paesi, è aumentato negli altri undici, tra cui anche l’Italia (+0,5 litri). L’attenzione per i superalcolici è confermata anche da Trovaprezzi.it, che nel 2023 ha visto il picco (+50% rispetto al 2022) di alert di prezzo impostati dagli utenti nella categoria rispetto al periodo 2018 – 2024[2]

In occasione del World Cocktail Day del 13 maggio, Trovaprezzi.it ha indagato sul consumo di superalcolici in Italia per capire le tendenze del mercato online a livello nazionale, e ha analizzato i superalcolici più acquistati utilizzati come base per i cocktail più gettonati. 

Il consumatore di superalcolici tipo in Italia è uomo (61% vs 39% della quota rosa) e ha tra i 25 e i 34 anni (26%). Oltre la metà delle ricerche online proviene dalle regioni del nord Italia (50,7%), di cui il 30,2% solo in Lombardia. Le regioni più attive, oltre alla Lombardia, sono: Lazio, Campania, Emilia-Romagna e Piemonte. Sorprende non trovare all’interno della top 5 il Veneto: probabilmente la regione è meno avvezza all’acquisto di superalcolici online e preferisce l’acquisto presso punti vendita fisici o il consumo diretto in bar e locali notturni.

Secondo Trovaprezzi.it, il superalcolico più cercato è il Vecchio Amaro del Capo, l’amaro italiano alle erbe più amato e conosciuto, bevuto spesso in purezza ma utilizzato anche come base in molti cocktail, come ad esempio Capo Sour, Negroni del Capo e Capo Tonic. 

Segue il Rum Zacapa, da bere in purezza oppure da utilizzare come base di alcuni tra i più famosi cocktail (ad esempio Daiquiri, Pina Colada, Mai Tai). Il prezzo medio online del Rum Zacapa nel primo quadrimestre del 2024 è calato del 38% rispetto al prezzo medio dello stesso periodo del 2023.

Altri grandi classici molto ricercati sono l’Amaro Montenegro (anch’esso utilizzabile come base per cocktail “alternativi” come Monte Mule, Monte Negoni e Monte Sour) e il Campari Bitter, che batte il suo acerrimo avversario Aperol (solo al cinquantesimo posto nelle preferenze dei primi mesi del 2024). 

A chiudere la Top 5 troviamo la Sambuca Molinari, quasi sempre usata in purezza o in un caffè corretto. Non sono molti i cocktail a base di sambuca, ma questo liquore è perfetto se sostituito, ad esempio, a gin e vodka (alcune proposte sono Lucky Star, Sambuca Mule, Sambuca Lemon). Anche per questo prodotto è stato rilevato un calo del 42% del prezzo medio online rispetto all’anno precedente.

Proseguendo l’analisi dei superalcolici preferiti del 2024, troviamo all’undicesimo posto la prima vodka: la Belvedere, ideale per la creazione dei principali cocktail base vodka come ad esempio Cosmpolitan, Black Russian e Bloody Mary. Il gin più apprezzato online, invece, è il Tanqueray London Dry Gin (dodicesimo posto) ideale per un buon gin tonic. Il primo whisky è al quattordicesimo posto ed è il Chivas Regal, idoneo a preparare i principali cocktail a base bourbon come Old Fashioned e Whiskey Sour. Infine, nel 2024 calano i fan della tequila, alla base di cocktail come il Margarita e il Tequila Sunrise, che si trova in classifica solo al centotrentaquattresimo posto con il Jose Cuervo.

“È fondamentale sottolineare l’importanza di un consumo moderato e consapevole di alcool, ma non possiamo ignorare l’interesse sempre crescente degli italiani verso le bevande alcoliche. Questo trend rispecchia la buona salute degli e-commerce nati durante gli ultimi anni dedicati a questo genere di consumi. Livelli di inflazione più bassi, risparmi più elevati e un’ampia gamma di prodotti stanno sostenendo il settore, con trend positivi soprattutto per quanto riguarda gli amari. È un buon segnale per l’economia italiana e per il settore dell’e-commerce, che continua a prosperare nonostante le sfide del momento. Siamo fiduciosi che il mercato continuerà a crescere e siamo pronti a soddisfare le esigenze dei consumatori italiani, offrendo loro una vasta selezione di prodotti di qualità ai migliori prezzi attraverso il nostro comparatore Trovaprezzi.it – conclude Dario Rigamonti, direttore generale di 7Pixel, società italiana leader nel mercato della comparazione prezzi degli operatori di e-commerce, che ha i marchi Trovaprezzi.it e Drezzy.it, controllata dal Gruppo MutuiOnline, società quotata al Segmento Star di Borsa Italiana.

[1] Fonte: Euronews.health – https://www.euronews.com/health/2024/05/04/dry-january-where-in-europe-is-drinking-alcohol-getting-worse-and-which-countries-have-cut 

[2] L’alert di prezzo è una funzionalità che Trovaprezzi.it mette a disposizione di tutti gli utenti che hanno effettuato l’accesso al sito. Questo strumento permette di impostare all’utente il prezzo a cui desidera acquistare un determinato prodotto e successivamente di ricevere una notifica, tramite mail o app, quando il prezzo del prodotto selezionato scende al di sotto del budget impostato.

Giampiero Castellotti