Bologna, conclusa la 13esima edizione del Festival del Lavoro

Vanessa Pompili
27/06/2022

Una tre giorni ricca di appuntamenti tematici, eventi, tavole rotonde, laboratori di diritto del lavoro, ospiti del mondo della politica, del lavoro, dell’economia, dello sport e dello spettacolo. Il Festival del Lavoro è stato tutto questo. L’evento organizzato dal Consiglio nazionale dell’Ordine dei Consulenti del lavoro e da Fondazione Studi Consulenti del lavoro si è tenuto dal 23 al 25 giugno a Bologna al Palazzo della Cultura e dei Congressi.

Nato come evento di categoria, il Festival del Lavoro, giunge quest’anno alla sua tredicesima edizione. È unico nel suo genere e ospita tutti i protagonisti del mondo del lavoro: dalle istituzioni ai sindacati, dai professionisti ai lavoratori, dagli accademici agli studenti, con l’obiettivo di confrontarsi su temi che riguardano il diritto del lavoro e l’attualità, analizzando un mondo del lavoro in continuo cambiamento e individuando le soluzioni strategiche per il rilancio delle imprese e del Paese. Amano dire gli organizzatori del Festival: “Indagare l’oggi, contraddizioni incluse, per prepararsi al domani”.

Diritto, politiche attive, orientamento al lavoro, professione & previdenza – obiettivo 2030 e opportunità sono i titoli delle macro-aree dedicate alla formazione, cui si sono affiancati i laboratori e l’Agorà in libreria. E proprio nella giornata di apertura del Festival del Lavoro, nell’area “opportunità”, si è svolto l’evento “Le politiche attive del lavoro per lo sviluppo del Paese: una scelta obbligata” curato da Fondolavoro.

Il direttore del fondo, Carlo Parrinello ha inaugurato i lavori portando il saluto del presidente dell’Unsic, Domenico Mamone. Relatori in aula Francesco Paolo Capone, segretario generale Ugl, Maurizio Sacconi presidente Associazione Amici di Marco Biagi, Raffaele Michele Tangorra, commissario straordinario Anpal e la giornalista Alessandra Giulivo che ha moderato gli interventi.

Carlo Parrinello e Alessandra Giulivo
Francesco Paolo Capone intervistato da Alessandra Giulivo
Vanessa Pompili