Adattarsi ai cambiamenti dei mercati con un approccio bilanciato

Redazione
31/05/2024
Tempo di lettura: 3 minuti
Borsa

Un approccio flessibile e asset di qualità sono fondamentali per affrontare le oscillazioni dei mercati. La parte azionaria del portafoglio, tipicamente 60:40, ha un’esposizione flessibile ai titoli orientati alla crescita e ai dividendi. La parte a reddito fisso investe generalmente in obbligazioni investment grade per fornire diversificazione e reddito.

L’attuale mercato azionario, fortemente orientato verso i titoli in crescita, ha creato un ambiente sfavorevole alle strategie bilanciate, che investono una parte dell’allocazione azionaria in società stabili, difensive e che pagano dividendi.

Tendiamo a privilegiare le società blue-chip e solide. Nel settore tecnologico, abbiamo un’esposizione minore alle società megacap costose che hanno dominato il mercato nel 2023. Preferiamo titoli di alta qualità che pagano dividendi e che possono aiutare a proteggere il portafoglio quando i titoli growth attraversano un momento difficile.

Prendiamo ad esempio il gigante dei semiconduttori Broadcom. Dal 2010 l’azienda ha incrementato i propri dividendi consolidando spesso le frammentate industrie dei semiconduttori e del software. Broadcom si è distinta anche nel mercato della telefonia mobile e ora si è posizionata come leader nella progettazione di chip specializzati per il cloud computing e l’IA.

Anche il settore networking di Broadcom è uno dei principali beneficiari dell’IA. L’azienda è specializzata nella produzione di circuiti integrati specifici per le applicazioni (ASIC), che sono fondamentali per la connessione di cluster di IA e per il traffico in entrata e in uscita dai data center.

Altre società come Taiwan Semiconductor Manufacturing Company e ASML, anch’esse partecipazioni di primo piano nella nostra strategia, hanno beneficiato della robusta crescita del cloud computing e dell’intelligenza artificiale.

Anche il costruttore di case D.R. Horton e il conglomerato General Electric (GE) hanno contribuito in modo determinante ai risultati del 2023. D.R. Horton ha visto aumentare la domanda di nuove abitazioni nonostante l’aumento dei tassi d’interesse, mentre le vendite di case esistenti negli Stati Uniti sono diminuite drasticamente, mentre GE si è concentrata sul settore aerospaziale dopo anni di ristrutturazione aziendale.Sul versante opposto, rivenditori come Home Depot e Dollar General hanno faticato. Le sfide sul fronte dei costi e della domanda hanno colpito duramente questo settore, con i consumatori che hanno sopportato il peso dell’inflazione e del ridimensionamento dei programmi di stimolo legati al COVID. Tuttavia, rimaniamo ottimisti sulle prospettive a lungo termine di queste aziende e sulla resistenza dei consumatori statunitensi.

UnitedHealth Group non ha ottenuto i risultati attesi nel 2023, soprattutto a causa dell’ampio impatto sulle società di servizi sanitari dovuto alla riduzione dei pagamenti governativi ai fornitori di Medicare Advantage.

Nonostante questa battuta d’arresto, l’azienda è ancora un leader scalato e diversificato nel settore dell’assistenza sanitaria gestita, con un potenziale di crescita degli utili e una storia di aumento del dividendo nel lungo periodo.

L’uso strategico della tecnologia e l’attenzione all’integrazione verticale in tutto l’ecosistema dell’assistenza sanitaria ne hanno determinato il successo a lungo termine. Per quanto riguarda il reddito fisso, la nostra strategia bilanciata pone l’accento sulla mitigazione dei rischi di ribasso piuttosto che sulla ricerca di guadagni in eccesso.

Nel 2023, il nostro segmento del reddito fisso ha ottenuto risultati complessivamente solidi, ma è stato inferiore all’indice Bloomberg US Aggregate. Ciò è dovuto principalmente al fatto che i nostri gestori di portafoglio hanno adottato un approccio cauto in un contesto di diffuso ottimismo di mercato.

(a cura di Paul Benjamin, Balanced portfolio manager di Capital Group)

Redazione